11 Spinello, 12 Corniolo, 13-14-15 Santa Sofia

SIS 2019 – XXVIII RIAS
Festival Internazionale Arti Performative
Circo Teatro & Musica
Edizione 2019
“D’Incantamenti & Incantatori” (Lungo il Fiume e sull’Acqua)

Scarica l’app!
Scarica su Google Play (Android) Scarica su Apple Store (iOS)


“di Strada in Strada” Festival
“XXVIII Raduno Internazionale dell’Artista di Strada”

N.B.: Come negli anni si è imparato a riconoscere l’acronimo RIAS per “Raduno Internazionale dell’Artista di Strada” impariamo da questo 2019 a conoscere e riconoscere SIS come acronimo di “di Strada … in Strada”.

L’acronimo non necessariamente comprende tutte le parole di una dicitura, a differenza di una sigla, ma rende la medesima immediata, concisa, facilmente memorizzabile. L’acronimo è sempre leggibile come parola a sé stante, cosa che non accade sempre per sigle. Esempio RIAS o Rias è leggibile, avessimo preso tutte le parole di “Raduno Internazionale dell’Artista di Strada”, avremmo avuto RIDADS, una sigla ma chi se la sarebbe potuta ricordare? Così “di Strada in Strada” dal 2005 nome della nostra manifestazione avrebbe sigla DSIS … ma chi la ricorderebbe? Ma può avere come stupendo acronimo SIS perfettamente leggibile, memorizzabile e pure palindromo, cioè, letto da destra o da sinistra sempre SIS rimane. Meglio di così. Quindi pensate a qualcosa che diventa da come sopra a

SIS Festival – XXVIII RIAS

Meglio no?

Mai sentirsi arrivati mai fermarsi, mai ripetersi. Un modo di essere e di pensare, che da sempre ha caratterizzato e caratterizza la direzione artistica del festival, che programma e definisce il percorso artistico e logistico della manifestazione, in un tutt’uno, con la Pro Loco di Santa Sofia, che da sempre è depositaria di questo magico festival. Lo cura, lo sostiene e cosa altrettanto fondamentale lo finanzia.

Se si narra di Incantamenti & Incantatori, lungo il fiume e sull’acqua ci dovranno poi essere, coloro che saranno incantati, ammaliati, rapiti. Ci auguriamo succeda a voi gentile pubblico, d’incantarvi incantandovi, in questo mondo d’incanti. Chi poi, se non chi non chi organizza, resta per primo incantato? E si incanta incantandosi? Ammirandoli per primo e cercando di scegliere gli incantamenti più profondi degli incantatori più incantanti che poi vi incanteranno incantandovi? Infine, tra i mille incantamenti di molti incantatori, quale sarà l’incanto il cui ricordo emozione o altro porterete sempre con voi?

Lungo il Fiume e sull’Acqua: Perché

Lungo il Fiume Da sempre il nostro festival si svolge lungo il corso del fiume poeta, il Bidente che narra di magie, luci e colori? Sin dal lontano 1992 gli artisti dagli occhi ridenti che ruban la scena alle stelle cadenti, performano lungo il corso del Bidente: in Matteotti, Marconi, Martiri della Libertà, in Gentili, piazza e via, ovvero nel Rione Borgo, L’Enoborgo del festival, ai piedi del Rione Castello …

tutti questi luoghi, strade, piazze, vicoli, si specchiano sul Bidente seguendone il corso …

e sull’acqua? – Da ormai diversi, anni in alveo giù nel Parco Fluviale, ci sono gruppiinstallazionitruck food diciamo anzi che, in questi ultimi anni, la parte fluviale del festival sta acquisendo sempre maggior importanza e quest’anno valorizzeremo ancora di più. Troppo bello, durante la calura di mezz’agosto, scendere a fiume e godersi un aperitivo con tre quattro gradi in meno di calura, brezza continua garantita, all’ombra di grandi alberi, poi magari, gustarsi una pietanza, un buon vino,” godendosi al fresco” i nostri meravigliosi artisti”: il massimo!!!

Vogliamo ora parlare della Passerella che da diversi anni congiunge Levante e Ponente. – Permette a pubblico artisti personale di servizio di raggiungere, le due location più distanti tra loro, in soli 5 minuti. Risparmio di tempo e stress, migliore fruibilità degli show, più che un invito è l’obbligo di scendere a fiume. Il livello artistico delle compagnie e gruppi musicali che caratterizzeranno la XXVIII edizione e senz’altro il migliore di sempre. Abbiamo scelto meno gruppi per alzare ulteriormente l’asticella, forse 50 era troppi, 40\42 in 5 giorni di manifestazione sono l’ideale, una media di 8 gruppi al giorno per chi volesse vederseli tutti ma proprio tutti è senz’altro fattibile. Più, ovvio e come sempre Truccabimbi Scultori di Palloncini Carto\Chiromanti Treccine e … Spray Artecco è un’arte vera e meravigliosa che andrebbe seguita e valorizzata … hai visto mai che … non vi sia qualche grande sorpresa in merito?

Gli spettacoli partiranno alle 18.00 dell’11 ed e del 12 agosto a Spinello e Corniolo; alle 17.00 il 13 a Santa Sofia, partendo come sempre dalla Casa di Riposo per omaggiare i Santa Sofiesi più antichi. E poi dalle 18 circa grande sorpresa in zona rotonda lato Forlì, alle porte del paese … non mancate … poi piazze, borghi, vicoli. Si partirà alle ore 17.00 il 14 ed alle 17.00 il 15. Avremo davvero di che stupirvi ancora una volta con sua maestà Il Circo Teatro: Trapezisti e strutture alte oltre 9 mt la media è 7 mt …, sia in Alveo, che alla Vecchia Pesa poi ancora strutture in Martiri della Libertà, sia come storicamente accade in Alto Parco, veri spettacoli teatrali, ma ricchi di acrobazie, musica dal vivo, giocoleria innovativa “Difficile a spiegarsi? Meraviglioso a vedersi”.

La nostra amatissima Musica offrirà un programma senza precedenti, con punte di eccellenza assoluta e diversissime tra loro come proposte di genere. Il teatro stabile “Mentore” ancora una volta ospiterà spettacoli di prim’ordine. Siate curiosi, è bello poter ammirare un gruppo prima in strada e poi in teatro o viceversa. Diversi sono i modi di rappresentare il medesimo show, diverse le scenografie, i tempi, anche le storie. Quest’anno si cambia ancora, non un ospite fisso a teatro per tre sere. Ogni sera un diverso spettacolo, ed uno solo dalle 21.30. Gli artisti che qui potrete ammirare, li potrete poi vedere in una qualsiasi delle location esterne, con la versione di strada del medesimo spettacolo. Nel basso parco. Sul palchetto, come sempre musica unplugged e d’ascolto quando in alto lavorano i grandi trapezi 21.15 – 23.30 mentre around and after midnigth sul grande palco on stage a cura della mitica Lombardi Amplificazioni, (non solo grandi professionisti come fonici e service, ma grandi costruttori di impianti di amplificazione da oltre 50 anni, e con noi da 20, dei Grandi !!!), favolose band italiane ed internazionali, spesso multietniche vi trascineranno alle danze per ore ed ore. Si tiene a precisare che chiunque voglia prendere parte come musicista al nostro festival, anche le grandi band, devono suonare pure in strada, lontano dagli aiuti e dagli orpelli della tecnologia e del service. Il contatto diretto con la gente è decisamente un’altra cosa. Non è fatto facile suonare in strada né in modo totalmente acustico né con piccoli impianti come aiuto. E’ bello poter raccontare che tutti lo fanno e lo hanno qui da noi. Alcuni in principio non di buon grado, poi arriva l’entusiasmo ed il puro divertimento. Band che prima del nostro festival non avevano mai suonato fuori da un palco, hanno esordito qui, e gli è riuscito così bene, che poi hanno continuato, alternando strada e palco.

Gli spettacoli di e con il Fuoco quest’anno giocheranno un ruolo di primo piano, con una delle compagnie più note in questo affascinante mondo, un inseguimento durato cinque anni, e che per un motivo o l’altro non si era amai concretizzato, siamo fieri emozionati e felici di poterli presentare al nostro amato pubblico, è un onore ospitare loro e tutte le altre compagnie e\o musicisti di questa XXVIII edizione. 

Oltre a tutto questo c’è la Naturale Magia di Santa Sofia. Il fiume Bidente non solo poeta ma anche in grado di accogliere artisti e pubblico negli afosi pomeriggi estive nelle sue” chiare e fresche e dolci acque” parafrasando il Petrarca. ll Parco Nazionale con i suoi monti le sue passeggiate, il trekking la mountain bike, la sua “Riserva Naturale di Sasso Fratino” visitabile solo attraverso un iter stabilito e guidato; ricordate non solo questa riserva, come erroneamente qualcuno afferma, ma circa il 20% del territorio del parco risulta essere PATRIMONIO MONDIALE DELL’ UNESCO. Il buon cibo il buon vino la cordialità degli abitanti delle terre di Romagna Toscana, insieme a tutto quanto esposto sopra, fanno si che ci capita in queste contrade per avventura o per sbaglio poi non faccia altro che tornare tornare ed ancora tornare.

di Incantamenti & Incantatori

LUNGO IL FIUME E SULL’ACQUA … si perpetua l’incanto
ci son Musici & Artisti … delle ninfe il bel canto
nero il buio alla Corte … poi bagliori accecanti
bolge all’ enoBorgo … come fauni e baccanti
nella Piazza gremita … resta il fiato sospeso
un incanto di nuovo … c’ha rapito e sorpreso
su nell’Alto Giardino … fili e corde hanno ordito
trame talmente belle … che ci hanno rapito
poi si narra di un Parco … dalle note baciato
c’ han suonato anche gli Avion … c’ ha danzato Donato


Storia del festival in pillole

R.I.A.S. acronimo di Raduno Internazionale dell’Artista di Strada dal 1992 sino al 2001 è sia nome del festival sia del comitato fondatore, il primo nome è come il primo amore non si … le origini, i buskers. Il Santa Sofia Buskers’ Festival dal 2001 al 2004 la prima svolta verso qualcosa di ancora di non definitivo, nome della serie così fan tutti …ma per la programmazione in sé, il livello artistico delle compagnie presenti, numero degli artisti invitati, la crescita della manifestazione è evidente, con questo nome solo quattro edizioni. il 2002 poi fu il salto nel vuoto ad occhi bendati “o la va o la va o la spacca. c.f.r www.distradainstrada.com Artisti Edizioni Passate. Evidentemente è andata bene, eccome se è andata bene. Il 2002 fu l’anno del nuovo corso del festival quello che ci ha portato, pian piano all’ attuale format della manifestazione consolidato inequivocabilmente nella XXV edizione grazie anche alla rete U.F.B. di cui poi si parla altrove. Nel 2005 il festival diventa   “di Strada … in Strada” per non cambiare più nella dicitura, per cambiare sempre ogni anno, con un sottotitolo specifico, che definisce tra le righe, l’indirizzo artistico e la logistica dell’edizione in corso. In questo 2019 “D’Incantamenti & Incantatori” Un Cuore ed un’Anima il RIAS ovvero gli artisti di strada dal 1992, All’interno di uno splendido contenitore SIS Festival.( SIS acronimo di “di Strada … in Strada”) dal 2005 che ogni anno cambia e si trasforma e si rinnova, per proporre il nuovo che avanza senza però, dimenticare le solide radici affondate nella tradizione. Modernità, contemporaneità, non significa dimenticare il passato, senza radici non si va da nessuna parte, cambiare per cambiare non ha alcun senso. Un contenitore che oltre gli artisti di strada e non, va ad abbracciare arti visive e figurative, installazioni, fotografia, ghiottonerie assortite & … tanto altro ancora.